La panchina di Mariella

Reply

TRADIZIONI E DETTI NAPOLETANI

« Older   Newer »
view post Posted on 12/3/2010, 23:31 Quote
Avatar

http://lapanchinadimariella.forumfree.it/

Group:
Administrator
Posts:
161,952

Status:


Tradizioni: Proverbi napoletani



Ogne scarrafone bello 'a mamma soja - Ogni scarafaggio bello per sua madre.


Chi vo' male a' chesta casa ha da mur primma che trase - Chi vuole far del male a questa casa deve morire prima di entrare.


A ogne casa nce ave 'a sta 'na croce - Ogni casa ha i suoi guai.


Meglio pane e cepolle a' casa soja, ca galline e cunfiette a' casa 'e ll'ate - Meglio

pane e cipolla a casa propria che galline e confetti in casa altrui.


'A femmena comme 'a gatta: scippa e fuje - La donna come il gatto: graffia e fugge.


'A gallina fa l'uovo e a 'o gallo ll'abbrucia 'o culo - La gallina fa l'uovo e il gallo soffre


'A femmena nun se sposa 'o ciuccio pecch le straccia 'e lenzole - La donna non sposa un asino solo perch le straccia le lenzuola.


'A gatta 'e zi' Maria nu poco chiagne e nu poco ride - La gatta di zia Maria non sa se ridere o piangere.


'A sciorta d''o piecoro: nasce curnuto e more scannato. - La fortuna del montone: nasce cornuto e muore scannato.


A vocca 'nchiusa nun traseno mosche - Con la bocca chiusa non si dicono sciocchezze.


'A vipera ca muzzecaje a muglierema, murette 'e tuosseco - La vipera che morse mia moglie, mor avvelenata.


Auciello 'ngajola, canta p'arraggia e nun canta p'ammore. - L'uccello in gabbia canta per rabbia non per amore.


Cu n'uocchio frije 'o pesce e cu n'ato guarda 'a gatta - Con un occhio frigge il pesce e con l'altro guarda il gatto.


'A Cannelora estate dinto e vierno fora. - Alla Candelora entra l'estate ed esce l'inverno.


Dicette 'o pappice 'nfaccia 'a noce: damme tiempo ca te spertoso - Disse il pappice alla noce dammi tempo che buco pure te.


Facimmo ambressa, ca 'o gallo canta matina - Facciamo presto che presto canta il gallo la mattina.


Fa' 'o gallo 'ncoppa 'a munnezza - Fa' il gallo sulla spazzatura (vantarsi senza motivo).


Gi bello 'o pretusino: va 'a gatta e 'nce piscia 'a coppa - Il prezzemolo gi brutto e il gatto ci fa anche la pip sopra (qualcosa che si guastato ancora di pi).


L'aucielle s'accocchiano 'ncielo e 'e chiaveche 'nterra - Gli uccelli si uniscono in cielo e la gentaglia in terra.


L'avaro comm''o puorco: buono sulo dopo muorto - L'avaro come il porco: buono solo dopo morto.


'O purpo se coce cu ll'acqua soja - Il polpo si cucina con la sua acqua (quando ci si fa male con le proprie mani).


Mannaggia 'o suricillo e pezza 'nfosa! - Maledizione al topolino e alla pezza bagnata.


Mantenimmoce pulite diceva 'o puorco cu 'a capa dint''o truogolo - Manteniamoci puliti diceva il porco con la testa nel ...?


Me pare l'aseno 'mmiezo 'e suone! - Sembri un asino tra le note! (Sembri fuso!)


So' ddoje maruzze: una fete e n'ata puzza. - Sono due chiocciole: una puzza e l'altra pure.


Me pare 'o ciuccio 'e Fechella: nuvantanove chiaje e 'a coda fraceta - Sembra l'asino di Fechella: novantanove piaghe e la coda marcia.


Mo ca muorto 'o ciuccio, nun simmo cchi cumpare - Ora che morto l'asino non siamo pi soci.


'O cane mozzeca 'o stracciato - Il cane morde il pezzente.


'O voje chiamma curnuto a l'aseno - Il bue dice che l'asino cornuto.


'O pesce fete d''a capa - Il pesce puzza dalla testa.



Tratti da: Proverbi Napoletani ( La saggezza degli antichi Dei ) di Renato Rutigliani

 
PM Email Web  Top
0 replies since 12/3/2010, 23:31
 
Reply